PREZZARIO REGIONALE PUGLIA

PREZZARIO REGIONALE PUGLIA

Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche - Anno 2019

Con Deliberazione Giunta Regionale n. 611 del 29/03/19  la Regione Puglia ha approvato l'aggiornamento dell'Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche, ai sensi del disposto contenuto nell'articolo 13 della Legge Regionale 11 maggio 2001 n. 13 e successive modifiche e integrazioni.

Il prezzario della Regione Puglia ha recepito e si è allineato alle nuove norme sugli appalti pubblici introdotte dal Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 e a quelle contenute nella Legge 28 dicembre 2015, n. 221 (c.d. Collegato Ambientale) in materia di tutela ambientale e sviluppo ecosostenibile.Il Prezzario Regionale 2019 descrive le singole voci di costo ed evidenzia requisiti, caratteristiche tecniche e modalità d'esecuzione dei manufatti delle opere da realizzare, per i seguenti settori:
 Edilizia
Recupero e Restauro
Infrastrutture
Impianti utilizzanti energie alternative
Impianti elettrici
Impianti di adduzione idrica e di scarico
Impianti antincendio
Impianti termici
Fognature ed acquedotti
Sicurezza in azienda e in cantiere
Opere marittime
Impianti sportivi
Igiene ambientale
Opere idrauliche e di bonifica
Opere forestali ed arboricoltura da legno
Indagini geologiche/sondaggi

Noleggi:

L'Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche svolge un ruolo importante nella tutela degli interessi pubblici generali, nel rispetto della legittimità delle procedura di gara, e quindi del principio della libera concorrenza di mercato, nonché a garanzia dei principi di efficienza, efficacia ed imparzialità della pubblica amministrazione.

Il "Listino prezzi delle Opere Pubbliche della Regione Puglia" viene pubblicato ai sensi del disposto  contenuto nell'art. 13 della L.R. 11 maggio 2001 n. 13 e ss. mm e ii., e fa seguito alle precedenti edizioni. 
Il nuovo prezzario della Regione Puglia è stato redatto avendo presente le nuove norme sugli appalti  pubblici introdotte dal D.Lgs. 18 aprile 2016 n. 50, come modificato dal D.Lgs. 19 aprile 2017 n. 56, e quelle  contenute nella Legge 28 dicembre 2015, n. 221, che contiene misure in materia di tutela della natura e  sviluppo sostenibile, valutazioni ambientali, energia, acquisti verdi, gestione dei rifiuti e bonifiche, difesa  del suolo e risorse idriche (c.d. Collegato Ambientale). 
La necessità di adeguare il prezzario regionale ai valori di mercato correnti rappresenta non solo la  condizione per l’effettività e per la serietà dell’offerta e, quindi, per la conseguente sostenibilità  dell’aggiudicazione dell’appalto, ma è la condizione, al contempo, a che le imprese possano concorrere  liberamente ed effettivamente tra di loro ed a che la spesa pubblica possa produrre durevolmente i propri 
effetti espansivi della domanda e degli investimenti. 
Il principio su riportato è condiviso perché questa Amministrazione, fermamente convinta della fondatezza  dei principi di buon andamento e d'imparzialità dell'Amministrazione, ritiene che l’istituto  dell’adeguamento dei prezzari delle opere pubbliche svolga un ruolo importante in quanto è rivolto a  tutelare interessi pubblici generali. 

Esso, infatti, non è tanto un elemento di legittimità della procedura di  gara, quanto piuttosto una sostanziale condizione di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa, che trae fondamento dall’art. 97 della Costituzione, in quanto attiene a principi di ordine generale. 
L'attuale prezzario regionale è frutto della collaborazione di un tavolo tecnico permanente istituito con D.G.R. n. 49 del 26 gennaio 2016 che ha visto il coinvolgimento e la partecipazione delle rappresentanze di tutte le associazioni di categoria e ordini professionali territoriali ai quali va il più sentito ringraziamento per l'impegno e il tempo profuso per la realizzazione della presente edizione. 


SCARICA IL PREZZARIO